Home Chi Siamo Dove Siamo Servizi
Eventi Squadre Contatti Link
06-02-2012
HITBALL - CAMPIONATO SERIE B1
06-02-2012

La neve e il gelo fermano l'Elettropoli
Ben due le partite da recuperare

ASTI Il maltempo che sta caratterizzando l'inverno di questo inizio anno imperversa sul Piemonte e a rimetterci nell'hit ball è principalmente la squadra astigiana che si trova impossibilitata ad effettuare la trasferta di sabato 4 febbraio a Torino, così come gli Hit Dogs non hanno potuto calcare la palestra di via De Amicis per lo stesso motivo.
Il Baraonda Rocketz, la squadra con cui l'Elettropoli si sta giocando la salvezza e che doveva incrociare i bracciali con i nostri proprio sabato, non ha approfittato della seconda pausa forzata dell'Asti e rimane ferma all'ultimo posto con un solo punto.
Lotta senza quartiere
tra le altre otto squadre del campionato che continuano invece a battersi a vicenda, con colpi di scena sempre più inaspettati: ora ci sono quattro squadre al comando a pari punti (16), sono RDJ, Evolution, Blue Snakes e Hit Dogs (questi ultimi con una partita in meno); subito dietro a sole due lunghezze rimangono in corsa i Sonics, reduci da due sconfitte consecutive, mentre a quota 12 fanno capolino i Pazzeschi che raggiungono i Vikings, anch'essi a corto di vittorie negli ultimi incontri. Infine i Rolling Balls, squadra quarta classificata in B2 nella stagione passata e ripescata all'ultimo momento, batte a sorpresa i Sonics e si insinua in classifica con i suoi 10 punti.
L'Elettropoli Asti CSI con soli 2 punti è lontana da questa lotta, ma dopo la vittoria casalinga ottenuta coi Pazzeschi sicuramente non è più intenzionata a fare da spettatrice in quello che è uno dei più avvincenti campionati di Serie B1 nella storia della Federazione Italiana Hit Ball.
In attesa di conoscere le date dei recuperi, l'Asti tornerà in campo giovedì 23 febbraio contro Evolution, avversaria per la decima volta in cinque campionati, nel tempio dell'hit ball torinese, ovvero al Palahit di via Sansovino 130, nel capoluogo regionale piemontese.

Asdrubale Fantastichini